Posts

Vetri Basso Emissivi

I vetri basso emissivi

I vetri basso emissivi sono vetri a isolamento termico concepiti per limitare la dispersione termica dall’interno degli edifici. Il vetro basso emissivo è la risultante di deposito o “coating”  di uno strato di ossidi metallici sul vetro, con uno speciale processo di lavorazione che aiuta a diminuire le perdite di calore tramite un miglioramento delle prestazioni otticoenergetiche delle vetrate esterne. I vetri basso emissivi migliorano così l’efficienza energetica degli edifici e diminuiscono sensibilmente le spese di riscaldamento a favore del confort nei mesi invernali. Questi vetri oltre a ridurre gli scambi termici con l’ambiente esterno, garantiscono il passaggio della luce negli ambienti interni degli edifici, in osservanza delle leggi e dei decreti della nuova regolamentazione per il rendimento energetico nell’edilizia. I vetri a isolamento termico sono disponibili sia in versione monolitica che stratificata di sicurezza e temperata .

E’ consigliato l’utilizzo del vetro basso emissivo sia negli ambienti domestici che lavorativi visto che dalle finestre viene disperso il 22% di energia impiegata. Inoltre è dimostrato che sostituendo vetri tradizionali con vetri a isolamento termico, il costo per l’ incidenza delle dispersioni delle pareti vetrate ha una variazione che va dal 34% al 12%.

Particolari tipi di vetro basso emissivo è il vetro selettivo che svolge un’azione di filtro dei raggi solari, con riduzione dell’ irraggiamento e della trasmissione del calore esterno negli ambienti interni: nel periodo invernale trattiene il calore e nei mesi caldi lo riflette, con duplice funzione di isolamento termico e  controllo solare.

I vetri basso emissivi e selettivi risultano altamente performanti assemblati in vetrate isolanti (o vetrocamera). Installati in questa soluzione riducono notevolmente lo scambio termico per conduzione (contatto con aria) rispetto a vetri isolanti ottenuti con vetro semplice. Inoltre nella vetrate isolanti possono essere abbinati anche a vetri con altre prestazioni come a controllo acustico, a controllo solare o blindati.

Vetri a Controllo Solare

I vetri a controllo solare

I vetri a controllo solare sono disponibili in versione sia monolitica che stratificata di sicurezza. E’ noto infatti che spesso, l’innalzamento di facciate in vetro o l’utilizzo di finestre senza questi vetri speciali comporta un notevole aumento della temperatura dell’ambiente interno, causando un insostenibile disagio provocato dall’effetto serra. I vetri a controllo solare invece presentano una facciata trattata tramite la quale si ottiene una riflessione dell’irraggiamento solare. Questa caratteristica della lavorazione del vetro favorisce così una riduzione dell’apporto di calore e non toglie luce in entrata con un importante miglioramento del confort di abitabilità.

Oltre all’utilizzo legato al confort e all’estetica, i vetri a controllo solare contribuiscono a ridurre al minimo il funzionamento degli impianti di condizionamento, con conseguente diminuzione della produzione di CO2 e  dei costi di gestione, tutto all’insegna del risparmio energetico. Inoltre a seconda di come si lavora il vetro è possibile scegliere se privilegiare una buona illuminazione naturale all’interno dell’edificio o una trasmissione di luce più debole. Nelle zone più calde, questi vetri speciali sono applicati per ridurre l’apporto di calore solare e controllare l’abbagliamento, mentre in situazioni di clima temperato sono utilizzati per controbilanciare il controllo solare con un’elevata trasmissione di luce naturale.

I vetri a controllo solare vengono ampiamente impiegati nella costruzione Centri Commerciali e Direzionali e nell’edilizia residenziale in soluzioni come ampie facciate in vetro, finestre e porte in vetro o ampie verande.

I vetri a controllo solare risultano altamente performanti assemblati con altri vetri speciali in vetrata isolante (o vetrocamera). L’azienda è a tua disposizione per ogni dubbio e chiarimento su come questo tipo di vetro possa essere impiegato nelle zone esposte al sole della tua casa. Richiedici informazioni e un tecnico saprà darti un immediata risposta su come questi vetri speciali possono raggiungere il massimo delle loro potenzialità adattandoli alle forme e misure richiesti dal tuo ambiente.

Vetri Blindati

I vetri blindati

I vetri blindati sono vetri di sicurezza stratificati composti da tre o più lastre, unite tra loro su tutta la superficie mediante interposizione di una o più fogli di polivinilbutirrale (PVB), materiale plastico che per le sue caratteristiche di trasparenza ed elasticità rende queste tipologie di vetro particolarmente efficaci. In applicazioni specifiche, dove occorrono elevati livelli di resistenza e per limitare il rischio di lesioni dovute a frammenti di vetro dispersi, i vetri blindati sono composti da lastre in vetro temperato. Questi vetri di sicurezza  trovano largo impiego nell’edilizia ed in tutte quelle situazioni dove è richiesta protezione alle persone o alle cose, sia rispetto a rotture accidentali che a possibili azioni vandaliche esterne. Li troviamo in soluzioni come vetrine di negozi, arredi stradali, porte blindate con vetro, edifici e spazi con copertura in vetro.

A seconda delle esigenze è così possibile assemblare vetri stratificati con differenti tipi e spessori di vetro e differenti tipi e spessori di PVB che garantiscono al cliente una vasta scelta di soluzioni. Si possono arrivare ad ottenere varie categorie di vetri blindati a vari livelli protezione, da vetri antiproiettile a vetri anticrimine. La classificazione dei vetri antisfondamento è guidata dalla norma UNI 9186 che prevede più classi di resistenza. L’impiego di vetri di sicurezza come i vetri antiproiettile rientra in un settore altamente specializzato. Spetta al cliente accertare il livello di protezione richiesto.

I vetri blindati possono essere assemblati in vetrata isolante (o vetrocamera) dove, abbinati a vetri con altre prestazioni come quelli a controllo solare, fonoassorbenti e basso emissivi, vengono raggiunte eccellenti performance anche nell’isolamento acustico e termico. Si consiglia pertanto al cliente di rivolgersi all’azienda, che invierà un tecnico per determinare quale tra i vari vetri blindati risulti più adatto, per fornire il livello di prestazione auspicato in funzione del tipo di protezione necessaria.

Vetri Monolitici

I vetri monolitici

I vetri monolitici più comunemente denominati Float, sono vetri trasparenti introdotti nel mercato alla fine degli anni Cinquanta. Il processo produttivo del vetro float, dal verbo inglese “to float” che significa galleggiare, avviene per flottazione. Il vetro fuso viene fatto galleggiare in un bagno di stagno liquido in modo che si formi la lastra di vetro. Poi viene raffreddato in condizioni controllate per eliminare qualsiasi tensione interna. Questa lavorazione permette di ottenere vetri monolitici dalle facciate piane e parallele e da un colore trasparente. I vetri monolitici sono così  la risultante dalla solidificazione progressiva di una miscela omogenea in fusione, formata principalmente da SILICE, SODA, CALCE. Il vetro float esiste in spessori che vanno da 3mm a 19mm ed è il vetro di base utilizzato in tutte le successive operazioni di trasformazione del vetro.

Sui vetri monolitici  eseguiamo vari tipi di lavorazione, come nel caso del vetro temprato ottenuto tramite uno specifico trattamento termico. In questo caso il vetro float viene riscaldato fino a 600 gradi e quindi raffreddato rapidamente per poi essere sottoposto a uno stato di compressione in modo da aumentarne il livello di resistenza meccanica e di resistenza agli urti. Il vetro temprato può essere considerato un vetro di sicurezza in quanto, grazie al processo di tempra, in caso di rottura  si frantuma in tanti piccoli pezzi, limitando così il rischio di ferite. Questo tipo di vetro risulta particolarmente indicato nell’arredamento, soprattutto in soluzioni di sagome, incastri e fori, che ad un semplice float non garantirebbero la sicurezza. Ne è fatto largo uso per la realizzazione di box doccia in vetro temperato.

Il vetro float è la matrice di molte altre tipologie di vetro, quali vetrata isolante, vetro stratificato, vetro smaltato, vetro serigrafato, vetro sabbiato, vetro satinato, vetro curvo e altre ancora.

I vetri monolitici trovano nell’arredamento il loro impiego principale , sia per complementi d’arredo che per vetrate esterne e interne.

Vetrate isolanti

Le vetrate isolanti

La vetrata isolante o vetrocamera è realizzata assemblando due o più lastre di vetro che immobilizzano al loro interno l’aria in modo da ridurre al minimo la conducibilità termica e acustica. 
Questo processo avviene perché le lastre sono unite tra loro da un telaio distanziatore di alluminio e sono separate da uno strato d’aria o gas. Le vetrate isolanti sono elementi strutturali estremamente versatili in grado di garantire un ampia libertà progettuale. La vetrocamera ha un sistema di installazione molto semplice e la sua applicazione principale è su vetrate esterne e grandi facciate.

Spieghiamo ogni passo dell’assemblaggio:

Il distanziatore determina l’ampiezza dello spazio tra le lastre. L’aria o il gas riduce la trasmittenza termica o ocustica. Una prima protezione impermeabile di butile, sul lato del distanziatore, impedisce l’ingresso di umidità. Una seconda protezione impermeabile, in poliuretano o silicone, garantisce la stabilità meccanica dell’assemblaggio. Infine un agente essiccante collocato nel distanziatore assorbe il vapore e asciuga il gas presente nel punto di contatto con il vetro, assicurando la massima trasparenza e evitando fenomeni di condensa.

Le vetrate isolanti sono spesso formate da vetri speciali che da soli non raggiungerebbero le performance che ottengono in un assemblaggio in vetrocamera. Infatti i vetri basso emissivi, i vetri stratificati fonoassorbenti e i vetri a controllo solare li possiamo trovare utilizzati singolarmente in rari casi e spesso non sono consigliati. Ognuno di questi esprime al meglio le proprie caratteristiche collocato in vetrocamera che grazie al particolare assemblaggio sopra citato li rende performanti al massimo. Così possiamo avere vetrate isolanti acustiche, con uno o due vetri stratificati a isolamento acustico, come vetrate isolanti basso emissive affiancando al distanziatore metallico vetri basso emissivi. A seconda delle necessità, tipo in facciate esposte al sole e in zone rumorose, l’azienda propone vetri isolanti composti da vetri a isolamento acustico, termico, a controllo solare, stratificati e non, e se necessario vetri blindati in modo da ottenere il massimo delle prestazioni. Infine per migliorare ulteriormente le performance vengono proposte anche triple vetrate isolanti con due distanziatori. Risultano intuibili a questo punto le svariate combinazioni di vetri possibili e i risultati eccellenti che la vetrocamera possa raggiungere.

L’azienda è altamente specializzata nell’assemblaggio di vetrate isolanti. Non esitare a contattarci e un tecnico sarà disponibile a un sopralluogo per verificare e illustrarti la soluzione in vetrocamera più efficiente e adatta alle tue esigenze.